mercoledì 31 agosto 2011

"Siddharta", di Hermann Hesse

Forse questo è il libro introspettivo più famoso al mondo. Cioè, di opere veramente introspettive largamente conosciute al grande pubblico non ne so molte, anzi, nessun' altra. Quindi direi cheSiddharta ha un bel primato.

D' altronde è innegabile che la ricerca di un equilibrio interiore da parte del figlio del brahmino sia priva di fascino, anzi, fa spesso pensare che se certi atteggiamenti fossero maggiormente diffusi nella società reale il mondo forse sarebbe un pochettino migliore.

Qualcuno magari lo troverà un pò lento, ma considerando che abbiamo a che fare con uno dei romanzi tedeschi novecenteschi più famosi direi che la lettura la merita a buon diritto, cercando magari alla fine di decidere quanto possiamo rispecchiarci in Siddharta e nella sua scelta di vita.

Postilla finale: ma se tutti scegliessero una vita di meditazione e di elemosina come fanno certi personaggi e come vanno predicando, alla fine chi gliela farebbe l' elemosina? Un bel paradosso.


PS: Non chiedetemi perché non compaia la copertina. Definiamolo l' ennesimo segreto di Fatima.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbe interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...