martedì 29 novembre 2011

"La Vita, l' Universo e tutto quanto", di Douglas Adams

Vi consiglio di prendere seriamente questo libro. Perché slo così sarete in grado di vederlo e leggerlo, perché come c' insegna la fisica più elementare qualsiasi cosa sia un Problema Altrui tende a non essere vista da terzi, e quindi a essere pressoché invisibile.
Questa e altre chicche fanta-assurde si aggiungono a quelle precedentemente incontrate in quella fantastica serie di "Sci-fiction comedy" iniziata con Guida galattica per autostoppisti, proseguita con Ristorante al termine dell' universo, e giunta con questo al terzo capitolo (su 5).
La verve "coerentemente" delirante della narrazione di Douglas viene qui riconfermata, in un intreccio che porterà i protagonisti a scoprire nuovi e sconcertanti segreti sul funzionamento di questo pazzo, pazzo universo.
Inutile approcciarvisi senza aver letto i prequel, vista l' abbondante quantità di riferimenti ai predecessori. E poi dico, finalmente si risolve il quesito del vaso di gerani del primo libro. Credo che solo solo per questo dobbiate leggerlo!

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbe interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...