giovedì 15 ottobre 2009

300



(prima pubblicazione: Ottobre 2009)


Nel 480 a.C il re persiano Serse prosegue i sogni di conquista sul Peloponneso del padre Dario. Avanza quindi sulla Grecia con l' esercito più potente che l' avesse mai solcata, formato da milioni di uomini. Unica speranza della Grecia è rallentare la sua avanzata bloccandolo nello stretto passaggio delle Termopili, una gola costiera dove il numero di uomini a nulla sarebbe valso. A compiere la missione è il re spartano Leonida, accompagnato solo dalla sua guardia personale di 300 uomini, più alcuni volontari di altre città.

E mentre la battaglia infuria, a Sparta, Gorgo, regina e moglie di Leonida, cerca di convincere il consiglio a mandare più uomini a Leonida, lottando contro le macchinazioni dell' infido Terone.


Dopo questo film e Watchmen, penso che Zack Snyder sia il punto di riferimento per le trasposizioni cinematografiche di fumetti. Il regista è riuscito a inscenare perfettamente l' atmosfera del fumetto, condendolo con il suo stile stilosamente truzzo, perfettamente in linea con la produzione. E come per Sin City questo film è stato girato interamente in green screen per permettere di ricreare la peculiare colorazione del fumetto, prevalentemente in toni seppia. Quali sono quindi le caratteristiche migliori di 300? Regia dinamica, ottimi valori di postproduzione, personaggi carismatici, colonna sonora performante (che mi ricorda tantissimo God of War), e soprattutto ritmo (quasi) sempre sostenuto.
Perché quasi? Perchè rispetto al fumetto, che seguiva esclusivamente gli spartani alle Termopili, come ho detto prima qui vedremo anche Gorgo che si barcamena per aiutare il marito da Sparta. Potrebbero essere tanti i motivi per questa scelta: 2 ore di sola battaglia avrebbero potuto essere pesanti, il dovere di ritagliare uno spazio per le donne, altrimenti i soliti rottinculo avrebbero detto che il film è maschilista (politically correct di merda), o che ne so io. Fatto sta che queste parti le ho trovate poco interessanti, e anche un pochino noiose, se paragonate alle vicende di Leonida.
Comunque, sorvolando su questo, Snyder non si è preso troppe licenze rispetto al fumetto, più che altro ha aggiunto qualche momento particolare, come il gigante deforme o il rinoceronte, assenti nel fumetto, per rendere la visione più "saporita" (sempre comunque in linea col il tono sopra le righe del fumetto).
E poi diciamocelo, il film riesce in quello che era l' obbiettivo fondamentale: galvanizzare lo spettatore fino a farlo quasi sentire uno spartano.

QUALITÀ OGGETTIVA DEL FILM: 9 (grande film, se piace il genere è perfetto)
FEDELTÀ AL FUMETTO: 8,5 (qualcosina in più, qualcosina in meno, molto uguale)
GRADIMENTO PERSONALE: 9 (bellissimo)

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbe interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...